Search:

Agricoltura italiana? Settore sempre più giovane

Agricoltura italiana? Settore sempre più giovane

Un’italia giovane. Sicuramente, almeno nel campo dell’agricoltura, che sta diventando sempre più giovane, con circa 57mila imprese agroalimentari guidate da giovani sotto i trentacinque anni e con attività sempre più diversificate, come dicono i dati di Unioncamere-Infocamere relativi ai primi mesi del 2017.

Un dato che pone l’Italia come primo paese in Europa per numero di giovani agricoltori. Così alla fine di giugno 2017 è apparso un aumento del 6,8% di aziende a guida giovane rispetto all’anno precedente. Un aumento che è ancora più significativo considerando l’andamento complessivo del settore che, pur rallentando in maniera sensibile la sua riduzione rispetto agli anni passati, continua comunque ad essere in calocon un totale di oltre 2.400 aziende in meno rispetto al 2016.

Dati che per la Coldiretti confermano l’attrazione della terra verso le giovani generazioni e che stanno trasformando il lavoro in campagna operando in attività che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agriasilo, ma anche alle attività ricreative, l’agricoltura sociale per l’inserimento di disabili, detenuti e tossicodipendenti, la sistemazione di parchi, giardini, strade, l’agribenessere e la cura del paesaggio o la produzione di energie rinnovabili.